Ladurée

- Schede soci -
Ladurèe 1Ladurèe 4Ladurèe 3Ladurèe 2
 
Ladurée

Ladurée, boutique francese famosa in tutto il mondo per i pasticcini più amati dalla regina Marie Antoinette: i Macaron, è presente in Italia dal 2010 e a Firenze dal 2013. 

La storia di questa boutique così speciale comincia nel 1862, quando Louis Ernest Ladurée apre il suo panificio in rue Royale, 16, a Parigi, ben presto trasformato in pasticceria. Inizia più tardi la collaborazione con Jules Chéret: ispirandosi alle tecniche di Michelangelo nella Cappella Sistina, l’artista trasforma soffitti e pareti in una specie di paradiso degli angeli, inventando anche il famoso “angioletto pasticcere”, oggi tra i simboli di Ladurée. Il locale diventa così una delle sale da the più rinomate della città.

La storia del Macaron Ladurée nasce con Pierre Desfontaines, cugino di Louis Ernest, che verso la metà dell’Ottocento ebbe l’idea di unire i gusci di meringa con un ripieno di cioccolato fuso e panna. Et voilà i Macaron come li conosciamo oggi. Dal cioccolato alla vaniglia fino alle farciture più insolite, come la rosa o la menta. Questi dolci, secondo la tradizione Ladurée, non sono soltanto dei pasticcini, ma delle icone. Parlano il linguaggio dell’arte e della cultura contemporanea: spesso vengono decorati “a tema”, ispirandosi a film, libri o fenomeni di costume di oggi; Ladurée rende omaggio a ogni stagione o evento che arriva, creando nuovi gusti e scatole decorate, oggetti ricercati anche dai collezionisti.

Non mancano assortimenti di miele e di confetture, selezioni di the, speciali candele profumate e raffinate fragranze per la casa. Infine, la collezione di cioccolato.

Non da meno dei Macaron, i dolci di Ladurée sono diventati famosi nel mondo per il sapore inconfondibile ma anche per i loro colori, orchestrati in tavolozze raffinate.

Orari di apertura:

Lunedì, 14:30-19,30
Martedì alla Domenica, 10:00-19:30


FACEBOOK

TWITTER

INSTAGRAM

SITO UFFICIALE

OK

Visitando questo sito, acconsente all'uso di cookie per fini comprendenti la pubblicità e l'analisi.
Ulteriori informazioni