Palazzo Strozzi

- Via Tornabuoni -
 

Palazzo Strozzi

Filippo Strozzi nei suoi “ Ricordi” dice che il 16 agosto 1489 “ … gettai la prima pietra né  ondamenti “ Bendetto da Maian che ne fu il progettista, poco dopo l’inizio dei lavori, lasciò Firenze per andare a Napoli, ed al suo posto subentrò Jacopo Rosselli e quindi il completamento dell’edificio venne affidato al Cronaca al quale si deve l’assetto dell’edificio con le superbe altezze, tra le maggiori dei palazzi storici di Firenze, lo splendido cortile e il magnifico cornicione corinzio realizzato secondo il disegno e il sistema dell’antica Roma.

All’inizio del 1500 il palazzo era già abitato dai discendenti di Filippo morto nel 1491.

Questo palazzo in via Tornabuoni è considerato uno tra i più belli del rinascimento fiorentino: il Vasari definisce il suo cortile “ricchissimo cortile d’ordine Corinto e dorico, con ornamenti di colonne, capitelli, cornici e porte bellissime” Stendhal, ripresosi da un attacco della sua sindrome annotò nel taccuino di viaggio:“ Scendendo dal ponte della Trinita e passando davanti al palazzo Strozzi il viaggiatore può credere di trovarsi nel 1500”.

Oggi accoglie la sede di varie istituzioni di Firenze ed il piano nobile è riservato a grandi mostre d’arte. Oggi ha sede la Fondazione “Palazzo Strozzi” ormai divenuta istituzione internazionale ai massimi livelli di cultura.

OK

Visitando questo sito, acconsente all'uso di cookie per fini comprendenti la pubblicità e l'analisi.
Ulteriori informazioni